1

Luglio, Ore 16.30

Giancarlo Nino Locatelli

Clarinetti e campane

Giancarlo Nino Locatelli Solo (Ita)

Az. Agr. Pesei, Piani Alti di Caregno (Tavernole)

Giancarlo "Nino" Locatelli suona Steve Lacy

Clarinetti, campane

“Il mio rapporto con la musica di Steve Lacy non è occasionale. È stata per me la “porta” più congeniale per entrare nel jazz e fino al 1996 ne sono stato immerso quotidianamente. Poi per circa dieci anni, seguendo un bisogno di esplorare la materia prima della musica, il suono, mi sono dedicato quasi esclusivamente alla pratica della musica improvvisata. Dal 2009, col titolo So Long!, ho presentato varie volte (il 25.01.11 anche a Battiti, RAI Radio 3) un solo su sue composizioni utilizzando il clarinetto basso.

Nell’estate 2013, in montagna, ho registrato il solo utilizzando il clarinetto in Bb trovando una dimensione spoglia, nuda e cruda che, a mio parere, segna un punto importante nel mio personale processo con la musica di Steve.

Quello che cerco e ho cercato di fare è ben spiegato in una descrizione della musica di Atsuya Okuda (shakuhachi, flauto giapponese): “His belief is that each piece and each note is complete in itself, and that one must set the mind in a state in which there is no audience and no performer. Each note is approached with originality as if it played for the first time – from this stance the union of new and old emerges.”

Francesco Martinelli
Presentazione del libro Conversazioni con Steve Lacy - A cura di Jason
Weiss, traduzione italiana di Francesco Martinelli

Trentaquattro interviste che coprono l’intero arco della carriera di Steve Lacy, dal 1959 al 2004, apparse in riviste di jazz americane ed europee ma anche inedite, per illustrare la straordinaria evoluzione della carriera e del suo pensiero musicale. Completano il volume una sezione di scritti autobiografici e artistici con vari inediti – riprodotti nella nitida calligrafia dello stesso sassofonista – le partiture autografe di tre canzoni su testi poetici, una discografia consigliata e molte foto storiche. Se oggi il sax soprano è onnipresente sui palchi del jazz lo si deve alla curiosità musicale di Steve Lacy, il cui esempio spinse Coltrane a imbracciare il sax dritto. Ispirato da Sidney Bechet, Lacy ha suonato giovanissimo a New York con i grandi del jazz tradizionale come Rex Stewart e Henry “Red” Allen. Dopo l’incontro con Cecil Taylor e Thelonious Monk, si dedica a sviluppare la propria musica continuando a collaborare con una vasta gamma di musicisti, dal trombonista Roswell Rudd all’arrangiatore Gil Evans da Mal Waldron e George Lewis a Misha Mengelberg, Evan Parker, Joelle Léandre e Alexander von Schlippenbach. Lacy ha vissuto a Parigi dal 1970 al 2002 quando venne invitato al Conservatorio di Boston a insegnare, e nella città americana ha trascorso gli ultimi due anni di vita onorando fino all’ultimo i suoi impegni.

Az. Agr. Pesei

Agriturismo Pesei
L'OSPITALITA'
Nel corso di questi anni abbiamo ristrutturato alcuni edifici presenti all’interno della proprietà, per destinarli all’ospitalità
Crediamo molto in questo, perché siamo convinti di poter offrire ai nostri ospiti una proposta semplice ma autentica, che permetterà loro di immergersi totalmente in un ambiente unico, a stretto contatto con la natura, lontano dai rumori e dai ritmi frenetici della vita moderna.
Nella ristrutturazione dei rustici si è voluto mantenere il più possibile le strutture originarie: i muri di pietra, la disposizione dei locali, le vecchie finestre e i pavimenti in acciottolato e in cotto. In questi ambienti potrete rivivere l’atmosfera di un tempo, ritrovando nelle cose, negli spazi e nei luoghi, la memoria di chi li ha vissuti prima di noi. 
Questo è il nostro concetto di ospitalità in Valle Trompia. Attualmente disponiamo di due appartamenti distinti“Il roccolino” con 2-4 posti letto e “La Cascina Pesei Bass” con 10-12 posti letto. Entrambe le strutture sono dotate di riscaldamento a legna, acqua potabile, cucina e servizi.
È quindi possibile pernottare e cucinare. Limitare l’accesso delle auto in azienda, è per noi un motivo di garanzia delle peculiarità di questo ambiente: silenzio, tranquillità, natura, libertà di movimento dei bambini.Su richiesta,  siamo disponibili per il trasporto di tutto il necessario alla vostra vacanza. 
lA RISTORAZIONE
Da qualche anno abbiamo affiancato all'ospitalità anche la ristorazione. Infatti su prenotazione la Domenica a mezzogiorno, nel periodo Aprile-Ottobre proponiamo piatti gustosi utilizzando materie prime prodotte in azienda e da aziende del territorio.
Potete poi  concludere il pranzo o fare merenda con le nostre squisite macedonie a base di piccoli frutti che potete raccogliere nei nostri filari di ribes, mora, lamponi e uva spina.